#M5S Scarico reflui in Lama San Giorgio: la parola ai Cittadini per una soluzione condivisa


Ho depositato alla Camera l’interrogazione sulla questione di Lama San Giorgio. Un territorio dichiarato Area Naturale di pregio già dal 2008 e che oggi rischia di diventare luogo di scarico per i reflui da depuratori.
Sostenuto da tutti i colleghi Pugliesi e dalla Commissione Ambiente, ho impegnato il Governo a fare chiarezza, visto che ad oggi la situazione soffre dell’indifferenza del Governatore Vendola, nonché commissario straordinario per l'Emergenza Ambientale in Puglia.

Negli ultimi 2 mesi ho partecipato ad una serie di incontri tecnici con esperti del settore e ad una conferenza aperta a tutti sulla gestione delle acque reflue in Puglia con l’obiettivo di analizzare, studiare e condividere con i cittadini le possibili soluzioni finalizzate al riutilizzo delle acque ed alla tutela dei cicli di depurazione”. Attualmente, infatti, le acque reflue vengono scaricate in mare o addirittura in falda, in deroga alle leggi vigenti ed alle normative europee mettendo a repentaglio la salute dei cittadini.

La precaria situazione dei depuratori pugliesi ha già visto scontrarsi il MoVimento 5 Stelle con il Governo Letta che ha continuato a perpetrare lo “stato d’emergenza”, che perdura dal gennaio 2011. Infatti, ci siamo fatti promotori di un’azione di monitoraggio e controllo da parte della Regione Puglia e degli Enti preposti utilizzando lo strumento dell’ordine del giorno per impegnare il Governo all’adeguamento degli impianti di depurazione alle normative comunitarie ed avviare, nel frattempo, il monitoraggio ed il controllo degli sversamenti. Sono fiducioso che con gli impegni richiesta in questa interrogazione, la situazione venga affrontata con la giusta serietà per la tutela della salute e del benessere dei cittadini residenti e di coloro i quali vedono la Puglia come meta turistica di primissimo interesse”.

Ecco l'interrogazione: clicca qui

Segui la mia attività Parlamentare. Clicca mi piace su facebook: https://www.facebook.com/Scagliusi.Emanuele