#M5S Gasdotto TAP: a Melendugno perchè sospesi dalla "Preside" Boldrini


In questi giorni sono sospeso dalla "Preside" Boldrini insieme ad altri miei colleghi per aver occupato pacificamente i banchi del governo, mentre alla Camera passava l’ennesima porcata, il TAP con la forzatura di Franceschini e della stessa Boldrini che palesemente non conosce il regolamento della Camera dei Deputati. TAP, Trans Adriatic Pipeline, è il contestato gasdotto che porterà in Europa il gas dell’Azerbaijan sbarcando sulle più belle spiagge d’Italia, quelle di San Foca.

Era dicembre, in piena sessione di bilancio. Eppure il regolamento art 119 comma 4 parla chiaro: “Durante la sessione di bilancio è sospesa ogni deliberazione” compresi i trattati internazionali (come quello del TAP) salvo quando "dalla mancata tempestiva approvazione dei medesimi possa derivare responsabilità dello Stato italiano per inadempimento di obblighi internazionali o comunitari.”
Fu in quel momento che il menzoniero Franceschini, allora ministro dei rapporti col Parlamento, affermava: "in caso di mancata ratifica ci saranno oneri per l’Italia!".

Noi che avevamo studiato il trattato (ed il regolamento), anche grazie al supporto dei nostri legislativi, avevamo appurato che non ci sarebbe stata nessuna sanzione per l’Italia. Al contrario, proprio in virtù di questa forzatura eravamo consapevoli che l'Italia, laddove il gasdotto non si fosse più realizzato, sarebbe risultata inadempiente. Ma la Boldrini non ha voluto dare seguito ai nostri “interventi sul regolamento” e come un mulo con i paraocchi, ha ancora una volta violato il regolamento facendo votare in quella seduta la Ratifica del Trattato Internazionale, lasciandoci come ultimo gesto l’occupazione dei banchi del Governo. Un gesto di disobbedienza civile, ma sempre non violento, Gandhiano.
Morale della favola: più di 20 deputati M5S sospesi per 4 giorni, trattato ratificato senza il M5S in aula. La Boldrini è ancora al suo posto, Franceschini nel frattempo è stato nominato ministro della Cultura e Marta Dassù che era viceministro agli Esteri sotto Emma Bonino è stata nominata dal Governo Renzi nel C.d.A di Finmeccanica.

Ma noi non molliamo e in piazza Pertini a Melendugno (LE) continueremo la battaglia portata avanti in aula. Da un lato ci sono quelle forze politiche coinvolte nella gestione degli enormi capitali necessari per la TAP, dall’altro ci siamo noi cittadini che, non avendo interessi lobbistici da promuovere o difendere, ci poniamo quale unico obiettivo il bene comune delle generazioni presenti e future.

Tutti in piazza a San Foca contro il progetto TAP #vinciamonoi

http://youtu.be/8TDR3R2293c