Bielorussia, adozioni: abbiamo scritto a Mattarella

https://www.youtube.com/watch?v=0mPBqzocBok&feature=youtu.be
Dopo le numerose segnalazioni che ho ricevuto da circa un anno a questa parte, una dozzina di genitori pugliesi mi hanno inviato una lettera che hanno scritto per il Presidente Sergio Mattarella. Su loro invito, mi sono fatto portavoce delle loro difficoltà, con l'auspicio che il Presidente della Repubblica intervenga sulla gestione delle adozioni internazionali in Italia, con particolare riferimento alla gestione delle adozioni dalla Bielorussia, da un po' di tempo avvolta in una nube di incertezza e confusione.

In particolare, il riferimento è all’intricata situazione “politico-burocratica” che rallenta di anno in anno le adozioni dalla Bielorussia travolgendo le ragioni, la sensibilità ed i bisogni di questi inermi cittadini. Già nel 2013, visto il calo nel numero di adozioni ed affidi, l'allora Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, aveva chiesto esplicitamente al Parlamento di affrontare i problemi che scoraggiano tanti genitori ad intraprendere il cammino. Il risultato portò allo sblocco di un cospicuo numero di adozioni. Adesso, il tutto sembra esser tornato nella situazione di stallo precedente.
Infatti, nel 2014 sono state inviate alla Commissione Adozioni Internazionali (CAI) circa 150 richieste da parte di tutte le associazioni, per l'adozione di oltre 170 minori. Inoltre, ci sono circa 40 famiglie di vecchi elenchi che non possono adottare poiché i bambini accolti si trovano presso le case famiglia in Bielorussia. Tuttavia, sono numerose le associazioni che già da parecchi mesi, insieme alle famiglie, segnalano una loro grande difficoltà nel comunicare con la CAI.

Già dal gennaio 2014 mi sto occupando direttamente della questione. Ho depositato alcuni atti di sindacato ispettivo ed una risoluzione che agevolasse le operazioni di adozione dalla Bielorussia. Inoltre, ho provato più volte a fissare un incontro con la Presidente della CAI, la dottoressa Silvia Della Monica ma, nonostante siano trascorsi oltre tre mesi dalla mia richiesta, attendo ancora riscontro. La CAI, che fa capo al Presidente del Consiglio, dovrebbe promuovere ogni sei mesi una consultazione con le associazioni familiari a carattere nazionale e di attuare incontri periodici con i rappresentanti degli enti autorizzati al fine di esaminare le problematiche emergenti e coordinare la programmazione degli interventi attuativi dei principi della Convenzione, come previsto dal regolamento emanato con D.P.R. n. 108 del 8 giugno 2007 ma, da oltre un anno, si assiste ad una commissione che comunica poco o nulla con gli enti da essa stessa accreditati. Le stesse difficoltà che ho riscontrato personalmente nel chiedere un incontro con la Della Monica.

Da qui la necessità di scrivere al Presidente Mattarella, invitandolo a far sentire la sua autorevole voce a sostegno di quei bambini il cui destino è stato segnato dal dramma dell’abbandono, ai quali la vita ha negato finora il senso e il gusto dell’infanzia, affinché riacquistino la speranza per un destino migliore.

“La nostra vita è radicalmente cambiata. Abbiamo intravisto la prospettiva di donare a bambini bisognosi la realtà di un affetto, la possibilità di un’educazione completa, la speranza di un futuro protetto, cioè tutto e ancor più di tutto quello che è una ‘famiglia’ – scrivono i genitori al Presidente della Repubblica – Oggi, apprendiamo che le liste successive a quel fatidico marzo 2013 sarebbero state inoltrate in Bielorussia. Eppure, senza un deciso intervento politico del Governo italiano che ristabilisca quel filo diplomatico con le autorità bielorusse, temiamo che ogni pratica risulterà inevasa, accumulandosi stancamente sulla scrivania di qualche burocrate”. 





















Arrivano i bambini bielorussi per il soggiorno climatico ma resta il problema delle adozioni

Abbracci, sorrisi e lacrime di gioia ieri, domenica 7 giugno, all’aeroporto di Bari, dove sono atterrati i bambini bielorussi, provenienti dalle zone colpite dal disastro di Chernobyl, che trascorreranno un soggiorno climatico presso numerose famiglie pugliesi. Ad accoglierli, oltre a centinaia di persone festanti, c'ero anch'io perchè da mesi sto facendo pressioni sul Governo per risolvere, definitivamente, le complicazioni burocratiche ed i ritardi legati all’iter adottivo di questi minori dell’Europa orientale.

Proprio quelle famiglie che oggi accolgono i bambini molto spesso si affezionano e ne chiedono l’adozione. Ma i tempi di attesa e l’iter burocratico rendono complicato e spesso impossibile il disbrigo di tutte le pratiche e, a volte, la felice conclusione dell’iter adottivo. Già da un anno e mezzo circa, sto lavorando con famiglie ed enti accreditati per cercare di comprendere a cosa siano dovuti gli intoppi e dove nascano le difficoltà. Oltre ad alcune interrogazioni già depositate per avere delle risposte in merito ai motivi che rallentano l’iter adottivo, ho anche presentato una risoluzione per impegnare il Governo a risolvere i problemi politico-amministrativi nonché a creare una delegazione che annualmente curi le relazioni con la Bielorussia, agendo da facilitatore tra le famiglie italiane e le autorità bielorusse.

Purtroppo, ad oggi non ho ricevuto alcuna risposta. Così ho deciso di chiedere formalmente un incontro alla Presidente della Commissione Adozioni Internazionali, la dott.ssa Silvia Della Monica, visto che nessuno meglio di lei ha il polso della situazione delle adozioni per poter finalmente collaborare per risolvere la situazione. Tuttavia, nonostante siano trascorsi oltre tre mesi dalla mia richiesta, attendo ancora riscontro dalla dottoressa Della Monica. Eppure, la Commissione Adozioni Internazionali (CAI), che fa capo al Presidente del Consiglio, dovrebbe comunicare periodicamente con enti ed associazioni per istruirle, consigliarle e guidarle durante tutto l’iter adottivo. Ma da un paio di anni a questa parte si assiste ad una commissione che comunica poco o nulla con gli enti da essa stessa accreditati e con le famiglie in cerca di adozioni. Le stesse difficoltà che ho riscontrato personalmente nel chiedere un confronto alla Della Monica. Ci sono centinaia di famiglie speranzose di poter abbracciare presto i loro ‘figli adottivi’ bielorussi che, pur avendo quasi concluso l’iter adottivo e comunicando giornalmente via skype con i propri figli, restano invano in attesa di notizie. Ritengo inaccettabile il silenzio della CAI e, insieme ad enti e famiglie, stiamo già valutando canali alternativi che ci portino ad un risultato concreto. Intanto, continuo a battermi al loro fianco, affinché ci sia un incontro quanto prima dove si faccia chiarezza sulle problematiche e sulle eventuali soluzioni.

Approfondimenti

Interrogazione 4/03482
Risoluzione in Commissione 7/00473
Interrogazione 4/07528

Recent Posts

Posts

TopMenu

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *